Home / Capire Oggi / CARLO MARIA VIGANO’ – Ai venerati Confratelli nell’Episcopato

CARLO MARIA VIGANO’ – Ai venerati Confratelli nell’Episcopato

La Santa Chiesa ci addita nei gloriosi Martiri un esempio di virtù eroiche da imitare, mostrandoci come la Grazia di Dio assista coloro che Lo amano al punto da affrontare i tormenti e la morte. E mentre gli empi si accaniscono invano sul corpo per colpire l’anima immortale, i Santi trionfano con Cristo proprio nel testimoniare il primato della Verità incarnata sull’errore, e quello della Carità immolata sulle seduzioni del mondo. La palma del Martirio attinge la sua linfa al legno della Croce, e la corona dei Martiri splende dei raggi del Sacrificio redentore di Nostro Signore.

 

Guardiamo all’esempio del Πρόδρομος, il Precursore, San Giovanni Battista, che precedette il divino Maestro non solo nell’annunciare la Sua venuta e il Battesimo per la remissione dei peccati, ma anche nell’affrontare la morte per mano del Tetrarca della Galilea Erode Antipa, da lui ammonito per lo scandalo che egli dava al popolo di Israele con l’accompagnarsi in pubblico concubinato alla moglie del fratello di Erode il Grande, Erodiade. Queste vicende, documentate dagli storiografi, sono accennate nel Vangelo insieme al ruolo di Salomé nel chiedere al patrigno la testa del Battista. Così commenta Sant’Ambrogio: Ab adulteris justus occiditur, et a reis in judicem capitalis sceleris pœna convertitur. Il giusto viene ucciso dagli adulteri, e la pena di morte è usata dai colpevoli contro il loro giudice. Clauduntur lumina non tam mortis necessitate quam horrore luxuriæ: gli occhi del Battista si chiudono non tanto a causa della morte, quanto per l’orrore della lussuria. Os aureum illud exsangue, cujus sententiam ferre non poteras, conticescit, et adhuc timetur: tace priva di vita la sua bocca d’oro, di cui tu Erode non potevi sopportare la condanna, ma la temi ancora.

 

Potrà tacere, fratelli carissimi, la vostra voce, dinanzi alla legittimazione dell’adulterio? Vorrete rendervi complici di quanti si piegano allo spirito del mondo e al cortigiano ossequio dei potenti, giungendo ad ammettere alla Mensa eucaristica coloro che con la propria condotta violano i Comandamenti di Dio, disprezzano la legge della Chiesa e danno scandalo ai fedeli? Quanto ancora permetterete che si calpesti la santità del Matrimonio e la testimonianza di San Giovanni Battista? Quanto ancora ignorerete le parole di Sant’Ambrogio, sulla cui Cattedra siede oggi un successore che ammicca ai concubinari per rendersi accetto ai convitati del nuovo Erode? (qui e qui)

 

Il Precursore non temette di levare la voce contro Erode, affrontando la morte con il sereno abbandono del giusto alla volontà di Dio. Avrete voi timore di predicare la Parola, di insistere a tempo e fuor di tempo, di riprendere, di rimproverare, di esortare con ogni pazienza e dottrina (2 Tim 4, 2), quando gli errori e gli inganni di Amoris Lætitia sono ispirati da Salomé più che dal Precursore? quando l’autore di Amoris Lætitia può al massimo allontanarvi dalla vostra Cattedra a causa della vostra fedeltà a Cristo? E quand’anche doveste essere condotti dinanzi ai tribunali, accettereste di rinunciare a proclamare Cristo, e Cristo crocifisso (1 Cor 2, 2), per salvare la vostra vita terrena e perdere la vita eterna?

 

Io vi esorto, fratelli dilettissimi, Successori degli Apostoli, Ministri di Cristo e dispensatori dei Misteri di Dio (1 Cor 4, 1), a considerare la vostra responsabilità nell’assecondare le deviazioni dottrinali e morali di chi abusa del proprio ruolo e della propria autorità per seminare l’errore, offendere la Maestà di Dio, umiliare la Santa Chiesa e perdere le anime. Vi esorto, per le Piaghe di Cristo: destatevi dal torpore che vi rende complici di un tradimento, del quale dovrete render conto al giusto Giudice nel giorno della vostra morte. Considerate che il vostro silenzio sottrae alla gloria del Cielo le anime a voi affidate dal Supremo Pastore, al quale risponderà anche colui che siede in Roma. Non rendete vana la Passione del Redentore, che ha versato il proprio Sangue preziosissimo per salvare i peccatori pentiti, e non per confermarli nel peccato.

 

Il Signore vi chiede di essere guida del gregge del Signore, usando il pastorale per condurre le pecore verso i pascoli del Cielo. Il vostro destino è di accompagnarli con Carità alla gloria eterna per la quale sono stati creati e redenti, e non di precederli nelle fiamme dell’inferno.

 

+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo

 

29 Agosto 2022

In Decollatione S. Joannis Baptistæ

 

Top