Home / Morale, bioetica e scienza / Covid, Vaccini, Aborto: 100 Cattoliche di Tutto il Mondo al Papa: Non saremo Complici

Covid, Vaccini, Aborto: 100 Cattoliche di Tutto il Mondo al Papa: Non saremo Complici

Dal blog di Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, abbiamo ricevuto dalla collega Diane Montagna questo comunicato, in inglese, che vi offriamo nella nostra traduzione, e che ci sembra di grandissima importanza nella discussione che si sta sviluppando con forza sempre maggiore sui vaccini. In calce trovate l’originale in inglese. Buona lettura.

COMUNICATO STAMPA

Un gruppo internazionale di quasi 100 donne mediche, religiose consacrate e leader pro-vita ha lanciato un coraggioso appello ai cristiani e a tutte le persone di buona volontà affinché cessino di giustificare moralmente l’uso di vaccini contaminati dall’aborto, affermando che il fallimento nel prendere posizione contro di essi sta alimentando una cultura di morte in espansione che coinvolge il traffico e lo sfruttamento di bambini abortiti per la sperimentazione medica.

Le firmatarie, che rappresentano 25 paesi in tutto il mondo, includono il medico polacco centenario Dr. Wanda Półtawska, un’amica personale del defunto Papa Giovanni Paolo II e vittima di esperimenti pseudo-medici condotti dal medico personale di Adolf Hitler nel campo di concentramento nazista di Ravensbrück. La dottoressa Półtawska, anche specialista in psichiatria, ha dedicato gli ultimi 70 anni della sua vita a lavorare a favore delle questioni pro-vita e pro-famiglia.

Altri firmatari includono Abby Johnson, un’attivista anti-aborto statunitense che ha lavorato come direttore clinico per Planned Parenthood fino al 2009, e le cui memorie sono state trasformate nel film Unplanned del 2019; e Suor Deirdre Byrne, un ex chirurgo generale militare e missionaria che ha servito in Kenya, Afghanistan, Haiti, Iraq e Sudan, e la cui posizione a favore dei non nati ha ottenuto l’attenzione nazionale statunitense nell’agosto 2020.

Dichiarazione completa: La voce delle donne in difesa dei bambini non nati e in opposizione ai vaccini contaminati dall’aborto

Nella dichiarazione, datata 8 marzo, le firmatarie affermano che “le linee cellulari fetali semplicemente non durano indefinitamente”. Perciò, “l’uso di tessuto fetale abortito nello sviluppo di interventi medici alimenta e alimenterà sempre la ricerca di nuovo tessuto fetale abortito” e dà ai produttori di vaccini “un forte incentivo a creare nuove linee per abbinare quelle vecchie”.

Il gruppo internazionale di donne osserva anche che “a causa della notevole mancanza di protesta” sull’uso di linee di cellule fetali nei vaccini moderni, “la ricerca biomedica con bambini abortiti si è espansa negli ultimi decenni per includere la raccolta e il traffico dei corpi di bambini non nati uccisi per l’uso in ricerche che normalmente sarebbero considerate non etiche da eseguire su un essere umano”.

“L’acquiescenza generale ai vaccini contaminati dall’aborto, in particolare da parte dei cristiani, ha solo contribuito alla cultura della morte”, scrivono. “Non possiamo stare a guardare mentre l’uso di feti umani abortiti nella ricerca medica viene gradualmente normalizzato come una parte ‘sfortunata’ della medicina moderna”.

“È tempo che il clero e i laici affrontino coraggiosamente questo orrore e difendano il diritto alla vita per i più vulnerabili con ‘massima determinazione’”, insistono. “Questa malefica propaggine dell’aborto deve avere fine!”.

Nel considerare specificamente i vaccini Covid-19, i firmatari, che includono tre ex membri della Pontificia Accademia per la Vita – la dottoressa Pilar Calva, MD (Messico), Mercedes Wilson de Arzu (Guatemala), e Christine de Marcellus Vollmer (Venezuela) – suggeriscono “umilmente” che Papa Francesco, il Vaticano e i vescovi di tutto il mondo “rivalutino” le loro dichiarazioni sulla base di una valutazione più completa della “scienza della vaccinazione e dell’immunologia”.

Dovrebbero considerare, aggiungono, che il tasso medio di sopravvivenza dall’infezione da SARS-CoV-2 è “superiore al 98,3%”; che i dati sono ancora “insufficienti per determinare i possibili effetti a lungo termine” dei vaccini; e che la loro “natura sperimentale” rende “esortare, costringere o obbligare” le persone a prenderli una “violazione diretta” della Dichiarazione universale sulla bioetica e i diritti umani.

“Quando presi insieme”, scrivono, “questi fattori dimostrano che le dichiarazioni che giustificano l’uso dei candidati vaccini COVID contaminati dall’aborto non solo ignorano la gravità e l’immediatezza dei crimini commessi contro i nascituri, ma ignorano le prove scientifiche sulla malattia e l’inadeguatezza degli attuali candidati vaccinali e i loro rischi noti e sconosciuti.”

L’appello, che mira a risvegliare il mondo alla “realtà dell’aborto” e a ri-sensibilizzare le menti sulla “fonte del tessuto fetale” utilizzato in alcuni vaccini, descrive in dettaglio l’orrore di ciò che accade a un bambino che viene ucciso nel grembo della madre, e chiede: “Come possiamo beneficiare volontariamente del loro sacrificio?”

“L’aborto è il moderno massacro degli innocenti”, scrivono i firmatari, esprimendo la loro ferma volontà di “rifiutare di accettare qualsiasi e tutti i vaccini fatti usando cellule derivate da feti umani abortiti”.

“Come cristiani siamo chiamati a rivestire la mente di Cristo e a unire i nostri cuori al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria”, conclude il gruppo internazionale di donne. È giunta l’ora di imitare i primi cristiani nella loro volontà di dare la vita per la verità”.

“Non saremo complici. È il momento di alzarci in piedi!”.

PRESS RELEASE

An international group of nearly 100 women doctors, consecrated religious and pro-life leaders have issued a bold appeal to Christians and all people of goodwill to cease morally justifying the use of abortion-tainted vaccines, saying that failure to stand up against them is fueling an expanding culture of death involving the trafficking and exploitation of aborted babies for medical experimentation.

 

The signatories, representing 25 countries worldwide, include 100-year-old Polish physician Dr. Wanda Półtawska, a personal friend of the late Pope John Paul II and victim of pseudo-medical experiments carried out by Adolf Hitler’s personal doctor in the Nazi concentration camp of Ravensbrück. Dr. Półtawska, also a specialist in psychiatry, has devoted the last 70 years of her life to working on behalf of pro-life and pro-family issues.

 

Other signatories include Abby Johnson, a US anti-abortion activist who worked as a clinical director for Planned Parenthood until 2009, and whose memoir was made into the 2019 movie Unplanned; and Sister Deirdre Byrne, a former military general surgeon and missionary who has served in Kenya, Afghanistan, Haiti, Iraq and Sudan, and whose stance on behalf of the unborn gained US national attention in August 2020.

Full Statement: The Voice of Women in Defense of Unborn Babies and in Opposition to Abortion-tainted Vaccines

In the statement, dated March 8, the signatories assert that “fetal cell lines simply do not last indefinitely.” Therefore, “the use of aborted fetal tissue in developing medical interventions most certainly does, and always will, fuel the search for new aborted fetal tissue,” and gives vaccine manufacturers “a strong incentive to create new lines to match the old ones.”

The international group of women also observe that “due to the notable lack of outcry” about the use of fetal cell lines in modern vaccines, “biomedical research with aborted children has expanded in recent decades to include collecting and trafficking the bodies of murdered unborn babies for use in research that would normally be considered unethical to perform on a human being.”

 

“General acquiescence to abortion-tainted vaccines, particularly by Christians, has only contributed to the culture of death,” they write. “We cannot sit back as the use of aborted human fetuses in medical research is gradually normalized as an ‘unfortunate’ part of modern-day medicine.”

 

“It is time for clergy and laity to boldly confront this horror and defend the right to life for the most vulnerable with ‘maximum determination,’” they insist. “This evil offshoot of abortion must be ended!”

 

In considering specifically the Covid-19 vaccines, the signatories, who include three former members of the Pontifical Academy for Life — Dr. Pilar Calva, MD (Mexico), Mercedes Wilson de Arzu (Guatemala), and Christine de Marcellus Vollmer (Venezuela) — “humbly” suggest that Pope Francis, the Vatican and bishops worldwide “reevaluate” their statements on the basis of a more complete assessment of the “science of vaccination and immunology.”

 

They should consider, they add, that the average survival rate from SARS-CoV-2 infection is “higher than 98.3%”; that the data is still “insufficient to determine possible long-term effects” of the vaccines; and that their “experimental nature” makes “urging, coercing, or forcing” people to take it a “direct violation” of the Universal Declaration on Bioethics and Human Rights.

 

“When taken together,” they write, “these factors demonstrate that statements that justify the use of the abortion-tainted COVID vaccine candidates not only ignore the gravity and immediacy of the crimes committed against the unborn, they ignore the scientific evidence about the disease and the inadequacy of the current vaccine candidates and their known and unknown risks.”

 

The appeal, which aims to reawaken the world to the “reality of abortion” and re-sensitize minds to the “source of fetal tissue” used in some vaccines, describes in detail the horror of what happens to a child who is murdered in its mother’s womb, and asks: “How can we willingly benefit from their sacrifice?”

 

“Abortion is the modern-day Massacre of the Innocents,” the signatories write, expressing their firm resolve to “refuse to accept any and all vaccines made using cells derived from aborted human fetuses.”

 

“As Christians we are called to put on the mind of Christ and unite our hearts to the Sacred Heart of Jesus and the Immaculate Heart of Mary,” the international group of women concludes. “The hour has come for us to imitate the early Christians in their willingness to lay down their lives for the Truth.

 

“We will not be complicit. It is time to stand up!”

Top