Home / Capire Oggi / Il silenzio degli innocenti?

Il silenzio degli innocenti?

Sembra che il governo stia per firmare il Global Compact, su cui non proferisce parola

Se si aderisce al global compact, diventa tutto una barzelletta. Tragica. Ma ridicola.
Si fa finta di reagire e di fare i duri per due sassolini, per fermare 200 invasori, e poi si firma perché precipiti per sempre la valanga senza più nessun confine e ostacolo. Poi si apre l’Italia a decine di milioni di invasori.
Non perché si voglia la valanga (come avviene per la sinistra), ma perché nessuno può realmente opporsi alla valanga. Questa è la tragedia, su cui però si tace.
Questa è la verità. Già solo per due sassolini è successo un putiferio con l’UE. Da mesi stanno litigando senza venirne a capo, e solo per due sassolini.
Ora arriva l’immenso esercito. E si tace, si fa finta che non ci sia.
E’ tutta una tragedia, e nessuno se ne vuole rendere conto.
Siamo soli dinanzi al mondo. Siamo colonia, siamo schiavi. Non c’è partito o forza politica che tenga: i nostri stessi politici meno peggiori, se vogliono sopravvivere, devono cedere quando si inizia a fare sul serio.
Come del resto Romano Prodi ha scritto apertamente ieri su Il Messaggero: non si può tenere testa a chi comanda veramente, ha detto in sostanza Prodi (e lui se intende di zerbinaggio). Lo ha detto chiaramente, Romano Prodi: obbedire o morire.
E se dovessimo esagerare con la resistenza, ci toccherebbe il destino della Grecia. Come già Tzipras ci sta annunciando, invitandoci a cedere subito (e lui sa bene cosa accade a chi vogliono annientare).
Dinanzi al potere del mondo intero, solo un popolo unito e pronto a tutto, anche a perdere tutto, compresa la vita, potrebbe forse tentare una reale resistenza. Solo gli italiani pronti a morire in piazza per la libertà e la difesa della propria identità religiosa, civile, etnica e culturale, potrebbero creare un serio ostacolo alla valanga (altro sassolini e decreti legge). Ma questo popolo non esiste più, soprattutto in Italia. Il nostro popolo non capisce assolutamente più nulla che non sia calcio, sesso e soldi (e spesso neanche questi) e carriera.
Gli italiani sono stati antropologicamente modificati da settant’anni di democristianismo e gramscismo. Siamo noi il più riuscito esperimento di mutazione antropologica mai avvenuto.
E se non bastano moderatismo democristianista e progressismo gramscista, ci pensa il clero a manipolare le coscienze del popolo bue. E se non basta, arriva la magistratura. Infine, la sinistra in piazza e al contempo il Presidente in televisione. Come ammazzacaffè (potremmo dire, “ammazzaitaliani”) lo spread.
Come regalo di commiato, il gender.
Non si sfugge. Siamo condannati. E molti di voi che leggono nemmeno sanno di cosa stiamo parlando: pensano che io sia matto o disfattista. Pensano, ancora, che… “io speriamo che me la cavo”… Folli.
Non ci sono più partiti, né strutture, né clero, di riferimento. Sono rimaste solo le persone. Solo un’unione vera di popolo può creare un ostacolo serio alla valanga in arrivo. Chi si illude ancora con i partiti è un folle. E’ il vero visionario.
Occorre ricostruire tutto d’accapo. E dobbiamo farlo noi.
Pena la valanga. Pena il Global Compact, che questo governo, non il PD, sta firmando, nel silenzio. Perché… a un certo punto, se ci si vuole salvare e mantenere prestigio e potere, occorre inchinarsi a chi veramente comanda.
Forse lo farei pure io al loro posto. Ed è per questo che non conto nulla e posso scrivere queste parole. Potete condividerle o meno, ma certo non potete negare che siano libere. Se ci fossero centinaia di migliaia di italiani liberi, forse fermeremmo la valanga. Se non la fermiamo, il nostro destino, come italiani e come esseri liberi, è segnato.
Gli anni Sessanta sono finiti, amici cari. E pure gli Ottanta. E pure la nostra ridicola democrazia. Ora, il pettine arriva. Nella politica e nella società come nella Chiesa.
La Rivoluzione sta trionfando fino in fondo. Solo una vera Contro-Rivoluzione, completa e di élites e di popolo, può salvarci (altro che partiti e politici…). Ma chi di voi ha una minima idea di cosa siano la Rivoluzione e la Controrivoluzione?
Non vi interessano? Ve ne accorgerete tra non molto… Purtroppo non si scappa… a Matrix.
Forse, anzi, senza forse, è da qui che dobbiamo ricominciare: dalla Rivoluzione e dalla Controrivoluzione, chiave di volta di tutta la modernità. Chi è pronto a imparare come stanno veramente le cose?

Top