Home / Articles posted byMassimo Viglione

Author: Massimo Viglione

Gli occhi dell’humunculus velano la paura del tiranno

Guardando anche solo per qualche istante il volto, gli occhi, di Macron nel discorso di ieri alla Francia in rivolta, è impossibile non cogliere un misto di terrore e follia. Il prodotto da laboratorio pensava di essere intoccabile, proprio perché "costruito" in laboratorio, un Frankenstein della politica alambiccato dai poteri che muovono il mondo oggi, come ebbi a dire nei giorni della sua elez...
Leggi tutto

Un fantomatico discorso su un nuovo partito

I nostri beneamati e stimati vescovi vogliono fare un partito (pochi si rammentano che sarà il decimo tentativo negli ultimi venti anni...). Se potessi essere presente (Dio me ne scampi e liberi! Ma non c'è pericolo alcuno, ovviamente ) alle loro illuminate riunioni, porrei una semplice questione previa. Anzi, due. Va beh, facciamo tre e via... 1) In che cosa, eccellenze reverendissime, tale co...
Leggi tutto

Giorni inaspettati

In Francia 89.000 uomini in armi, tra forze dell'ordine e soldati, schierati per la manifestazione di sabato 8 dicembre. Il tg ha detto che su internet i gilet gialli stanno invitando ad andare in piazza con le armi. Ora si sono aggiunti gli studenti. I pronipoti di quelli del '68. Sembra che il governo parli di colpo di Stato in atto. Viviamo giorni indecifrabili, ove tutto è possibile. O tut...
Leggi tutto

La vita è molto complessa. Come la storia…

Quanto sta accadendo, giorno dopo giorno, ora dopo ora, in Francia, non può più lasciarci indifferenti, né deve farci cadere nella trappola dell'entusiasmo acritico. Sta cominciando a divenire una situazione un poco misteriosa. All'inizio, mi sembrava evidente che - non essendo possibile che da un giorno all'altro si scatenasse l'inferno dei gilet gialli in maniera del tutto spontanea ma contemp...
Leggi tutto

Il silenzio degli innocenti?

Sembra che il governo stia per firmare il Global Compact, su cui non proferisce parola Se si aderisce al global compact, diventa tutto una barzelletta. Tragica. Ma ridicola. Si fa finta di reagire e di fare i duri per due sassolini, per fermare 200 invasori, e poi si firma perché precipiti per sempre la valanga senza più nessun confine e ostacolo. Poi si a...
Leggi tutto

Il loro trionfo è la nostra Speranza

Romano Amerio è stato il primo grande critico (nel senso di aver condotto uno studio scientifico del problema) della Rivoluzione nella Chiesa, della sovversione conciliare. Il suo capolavoro scelse di intitolarlo "Iota unum", in chiaro riferimento alle fatidiche parole di Cristo: "Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. In...
Leggi tutto

A quando la piscina in San Pietro?

In Via della Conciliazione a Roma hanno aperto un negozio Hard Rock. Luogo adattissimo con la chiesa odierna: molto rock, come direbbe Celentano. Qualche anima bella dirà sicuramente: "E allora, dov'è il problema? Mica siamo al Medioevo!". Ovvio che no, lo vediamo tutti i giorni a 360 gradi, infatti, che non siamo al Medioevo. Il problema, al di là della folle desacralizzazione in sé (solo...
Leggi tutto

“agli uomini di buona volontà”

Hanno ufficialmente cambiato "e pace in terra agli uomini di buona volontà" con "a coloro che Dio ama". Ovvio: nella prima formula, quella del Vangelo, quella di sempre, si richiede la nostra buona volontà (ovvero, uno sforzo verso il Bene e un rifiuto del male, del peccato: si richiede insomma la scelta tra il Bene e il Male),e soprattutto si lascia intendere che vi sono uomini "non di buona vol...
Leggi tutto

18 brumaio

Il 9 novembre 1799 (18 brumaio anno VII), il generale Napoleone Bonaparte compiva il suo colpo di Stato, occupando militarmente la Convezione e prendendo di fatto il potere in Francia, che terrà fino al 1814 e poi nel 1815. La Rivoluzione aveva fallito nella sua fase monarchico-liberale (1789-1792), nella sua fase repubblican-giacobin-terrorista (1792-1794) e nella sua fase repubblican-liberale (...
Leggi tutto

4 novembre. Il silenzio delle iene

4 novembre: il silenzio delle iene Ringrazio Dio che non ero in vita e giovane tra il 1915 e il 1918. Avrei dovuto impugnare le armi al servizio di un regno massonico e anticattolico per combattere l'impero cattolico, ultima luce prima della notte oscura. Oppure, avrei dovuto fuggire e andare a combattere con il bene contro il regno massonico. Ma questo voleva dire sparare agli italiani. Non a...
Leggi tutto
Top