Home / Articles posted byMassimo Viglione

Author: Massimo Viglione

La grande trasformazione

Leggendo da fonte certa (Vatican news) alcuni stralci del discorso di Francesco negli Emirati Arabi, troviamo queste parole: "Non esiste violenza che possa essere religiosamente giustificata". Sant'Agostino ha insegnato che esiste una guerra giusta, formulandone le condizioni. Questo insegnamento è stato ripreso dai Papi, che ne hanno fatto dottrina ufficiale della Chiesa, Magistero universa...
Leggi tutto

Il normale che è male

Dall'inizio dei tempi fino agli Settanta, nessun essere umano, in nessun tempo e in nessun luogo, in nessuna civiltà e società, è stato iniziato - o, se volete essere buoni, "educato" - alla sessualità a scuola. Mai. E non ci sono mai stati problemi. Da un cinquantennio, esiste l'iniziazione sessuale scolastica imposta dallo Stato laico. Gli scopi sono ovvi a chiunque non si faccia cieco (ovve...
Leggi tutto

Le due Aquisgrane

L'accordo di Aquisgrana (certamente la scelta non è casuale) tra Germania e Francia, non segna la morte dell'Unione Europea, come molti in queste ore affermano, ma esattamente il contrario: questo è l'estremo tentativo di salvare l'Unione Europea (basta leggere i principali scopi conclamati), compiuto da due capi di Stato di cui una è al tramonto e l'altro un fallimento totale, ma entrambi consape...
Leggi tutto

Il Papa tra gli italiani

Tre esempi tra mille (i primi che mi vengono in mente) Alla fine del VI secolo l'Italia era devastata dai longobardi, mezzi pagani, mezzi ariani. Una sola persona si fece tutto a tutti, anche nelle più sperdute campagne, per soccorrere e dare da mangiare. Era il papa Gregorio I, Magno, Santo e Padre della Chiesa, osannato e benedetto e venerato da tutti, perfino gl istessi longobardi lo rispett...
Leggi tutto

Tenebre e Luce

Putin, durante la tradizionale conferenza di fine anno, ha detto chiaramente di essere molto preoccupato per le sorti della storia umana, in quanto si paventa sempre più seriamente il pericolo di una guerra mondiale, che porterebbe alla fine della civiltà. Putin ha ragione: del resto, lui... "non può non sapere"... quali sono i piani della Rivoluzione, ovvero di coloro che manovrano gli uomini po...
Leggi tutto

Pensierino liberatorio per Natale

Allora, chiariamo una volta per tutte: 1) Giuseppe e Maria e dovettero fuggire dalla loro patria per salvare Gesù appena nato, in quanto era già ricercato per essere ucciso: infatti, avvenne la strage degli innocenti; 2) Giuseppe partì solo perché così gli fu ordinato da un angelo; 3) Partirono loro tre, nel perfetto silenzio, da soli, perché realmente necessitati da motivazione suprema; 4) ...
Leggi tutto

Gli occhi dell’humunculus velano la paura del tiranno

Guardando anche solo per qualche istante il volto, gli occhi, di Macron nel discorso di ieri alla Francia in rivolta, è impossibile non cogliere un misto di terrore e follia. Il prodotto da laboratorio pensava di essere intoccabile, proprio perché "costruito" in laboratorio, un Frankenstein della politica alambiccato dai poteri che muovono il mondo oggi, come ebbi a dire nei giorni della sua elez...
Leggi tutto

Un fantomatico discorso su un nuovo partito

I nostri beneamati e stimati vescovi vogliono fare un partito (pochi si rammentano che sarà il decimo tentativo negli ultimi venti anni...). Se potessi essere presente (Dio me ne scampi e liberi! Ma non c'è pericolo alcuno, ovviamente ) alle loro illuminate riunioni, porrei una semplice questione previa. Anzi, due. Va beh, facciamo tre e via... 1) In che cosa, eccellenze reverendissime, tale co...
Leggi tutto

Giorni inaspettati

In Francia 89.000 uomini in armi, tra forze dell'ordine e soldati, schierati per la manifestazione di sabato 8 dicembre. Il tg ha detto che su internet i gilet gialli stanno invitando ad andare in piazza con le armi. Ora si sono aggiunti gli studenti. I pronipoti di quelli del '68. Sembra che il governo parli di colpo di Stato in atto. Viviamo giorni indecifrabili, ove tutto è possibile. O tut...
Leggi tutto

La vita è molto complessa. Come la storia…

Quanto sta accadendo, giorno dopo giorno, ora dopo ora, in Francia, non può più lasciarci indifferenti, né deve farci cadere nella trappola dell'entusiasmo acritico. Sta cominciando a divenire una situazione un poco misteriosa. All'inizio, mi sembrava evidente che - non essendo possibile che da un giorno all'altro si scatenasse l'inferno dei gilet gialli in maniera del tutto spontanea ma contemp...
Leggi tutto
Top