Home / Articles posted byMassimo Viglione

Author: Massimo Viglione

Draghi, Berlusconi, Monti. Come cento anni fa? No, molto ma molto peggio

Alla luce della sua corsa alla Presidenza della Repubblica Italiana, Berlusconi dice che conviene lasciare Draghi alla guida del Paese fino alla fine dell’emergenza sanitaria. E siccome l’emergenza sanitaria durerà ad libitum, e, forse, almeno nei piani farneticanti degli attuali padroni del mondo (Agenda 2030, Great Reset, Nuovo Ordine Mondiale e compagnia cantante), per sempre, in pratica, co...
Leggi tutto

La superfinanza vive della morte della Politica

Tutti a ridicolizzare, nelle più svariate forme, un ministro della fantomatica Repubblica Italiana, tale Lamorgese, per la stratosferica castroneria detta per giustificare gravissimi atti di violenza da parte delle cosiddette “Forze dell’Ordine” (ormai possiamo definirlo Deep Order) contro pacifici cittadini che manifestavano in base a quanto garantito dalla stessa Costituzione “più bella del mond...
Leggi tutto

9 ottobre 2021. Una giornata palindroma

La giornata del 9 ottobre 2021 a Roma segna una nuova e ulteriore cesura nel meccanismo rivoluzionar-sanitario in atto dal marzo 2020. Questa giornata – e questo meccanismo – non possono non rinviare la mente alle celebri “giornate” della Rivoluzione Francese (14 luglio, 5-6 ottobre, 10 agosto, ecc.), nelle quali la spinta motrice compiva salti significativi nel processo totalitario e terroristico...
Leggi tutto

Avviso ai commercianti (e non solo)

Vorrei dire a tutti i commercianti italiani, e in particolare a quelli del settore ristorativo e turistico, ma anche culturale, che siete stati condannati a morte. La sentenza è emessa. Finora vi hanno messo in galera. Ora vi daranno una mezz'ora d'aria per l'estate, e pure molto condizionata e limitata. Ma in autunno (e pure prima forse) sarete rinchiusi nuovamente, per tutto l'inverno...
Leggi tutto

Coprifuoco e schiavitù

Il coprifuoco serale, prolungato fino a giugno ma con minaccia scritta di possibilità di reiterazione ulteriore, oltre a servire - come abbiamo già scritto - per obbligare a stare a casa la sera davanti alla televisione decine di milioni di italiani non usi alla conversazione in famiglia, o preghiera e alla lettura, al fine della progressiva postumanizzazione collettiva, ha anche altri sco...
Leggi tutto

Lo specchio delle domande ovvie non fatte

Ogni giorno che passa giungono notizie sia di persone che muoiono pochi giorni dopo essersi vaccinate, sia di persone che subiscono pesanti conseguenze sanitarie, sia, in particolare, di persone, specie anziane, che hanno preso il virus dopo essersi vaccinate. Il fatto che queste notizie vengano riportate dai quotidiani - e in misura molto ma molto minore dai media televisivi - è ...
Leggi tutto

La roulette russa e le sue cause

Nel discorso ufficiale programmatico di governo, Draghi ha posto l'accento anzitutto e soprattutto sulla irreversibilità dell'euro e della scelta europeista e sulla conseguente progressiva evanescenza della sovranità dello Stato italiano, nato dalla Rivoluzione risorgimentale. E con esso - anche se non detto, è conseguenza inevitabile a cascata - della stessa Repubblica e "democrazia". Qu...
Leggi tutto

Roma val bene un Di Maio

Il fatto che un uomo di grandissimo potere come Draghi abbia macchiato miserevolmente la sua prima funzione di uomo politico, e per di più con la carica di Presidente del Consiglio, mantenendo nel suo governo personaggi squalificanti e oggettivamente impresentabili (sorprendendo perfino chi è a lui favorevole), può solo dimostrare quali siano i veri scopi ultimi, escatologici verrebbe da ...
Leggi tutto

Da Conte a Draghi, cosa cambia?

Riflettendo a mente fresca sulla composizione del governo Draghi, ovvero di colui che è stato universalmente presentato come il salvatore della patria e universalmente idolatrato come il più grande genio economico e politico dell'Italia contemporanea, e in particolare sul fatto che abbia lasciato al loro posto tre figure dalla devastante e incontenibile desolazione professionale e umana c...
Leggi tutto

Gli orizzontali

Occorre valutare bene il livello di apostasia da Dio raggiunto dal clero attuale e occorre farlo basandosi proprio sui fatti, sulle opere, sui frutti, dai quali si possono riconoscere. Dinanzi a un mondo apostata e pervertito, dinanzi a una scristianizzazione - tanto sociale che individuale - incontenibile e pervasiva e ormai quasi totalitaria, dinanzi all'idolatria sempre più radicata,...
Leggi tutto
Top